Stanchezza fisica, mentale e spossatezza. Conosci i ricostituenti stagionali?


La stanchezza fisico-mentale e la spossatezza, non sono altro che notifiche che ci giungono dal nostro corpo, dei messaggi, che a causa della vita frenetica, ricca di impegni e di stress, ci sentiamo in dovere di non leggere o di sottovalutare. Alla lunga non considerare questi campanelli di allarme però, può portare a gravi conseguenze.

Il nostro organismo infatti è un meccanismo perfetto e ogni scompenso è determinato da una causa che va capita, esaminata e a cui va data una risposta, nei tempi e nei modi giusti.

Le cause e le conseguenze

La stanchezza, sia essa mentale o fisica e la stanchezza estrema chiamata spossatezza hanno delle cause che sono comuni, soprattutto nella vita moderna. Vediamone alcune:

  • Cambi di stagione, soprattutto dai mesi freddi a quelli primaverili;

  • Periodi ricchi di lavoro, studio e stress da intensa vita mondana;

  • Carenza di vitamine e sali minerali a causa di un regime alimentare squilibrato;

  • Irregolare ritmo sonno-veglia e carenza di sonno;

  • Clima caldo e umido;

  • La gravidanza, che porta ad un consumo maggiore di sali minerali;

  • La menopausa che diminuisce sensibilmente la capacità di assorbire vitamine e sali minerali;

  • Un'intensa attività sportiva.

Stanchezza e spossatezza portano irrimediabilmente a delle conseguenze nella vita di tutti i giorni. I sintomi più comuni sono la difficoltà di concentrazione, la fatica di memorizzazione e la confusione mentale. Tra le più comuni avvisaglie della stanchezza fisica e della spossatezza invece troviamo il capogiro e la sensazione di svenimento, sudorazione eccessiva e mal di testa, per finire importanti e vistosi cali umorali, nervosismo e suscettibilità.

Uno stile di vita equilibrato è la soluzione

Per fronteggiare questi problemi, soprattutto se non legati a cause patologiche, ci sono delle semplici regole che si basano sostanzialmente su una vita equilibrata e buone abitudini giornaliere, che in poco tempo possono restituire alla propria vita energie e forza.

Un consiglio fondamentale per riacquistare naturalmente la vitalità perduta, è concentrarsi sulla propria nutrizione, base fondamentale della salute e benessere dell'organismo. Una dieta equilibrata e sana, ricca di sali minerali come il magnesio, di vitamine e fibre nutrienti, è un importante e fondamentale principio per combattere la stanchezza.

Vi sono alcuni cibi che per le loro caratteristiche, si prestano naturalmente a dare un apporto maggiore al nostro corpo di quei sali minerali che sono essenziali per il recupero muscolare e mentale del nostro organismo. Vediamone alcuni:

  • Spinaci, bietole, cavoli, broccoli;

  • Frutta secca;

  • Crusca e cereali integrali;

  • Banane e datteri;

  • Cioccolato fondente.

Vanno ricordate anche le proprietà energizzanti che possiedono le piante del Ginseng e dello Zenzero. Con i loro estratti è possibile preparare infusi e bevande che aiutano la resistenza alla fatica ed aumentano la capacità di concentrazione.

Un altro fattore importante per combattere la stanchezza, è il sonno, che va tutelato e garantito sia nei tempi che nei modi. La passiflora con le sue caratteristiche rilassanti, favorisce un sonno continuo e rigenerante.

Se i metodi casalinghi non bastano e ove una vita troppo sregolata e fitta di impegni, non permettesse una dieta equilibrata e sana, può giovare recarsi alla propria farmacia di fiducia, dove un'esperto può indicare il miglior integratore di sali minerali, come il magnesio e potassio. Una soluzione semplice e altrettanto naturale che permette, senza troppa fatica e impegno di rigenerare il proprio corpo e affrontare gli impegni quotidiani con energia e dinamismo.





12 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti